Alitalia tiene alta la fama della cucina italiana.

Lontane dalle problematiche amministrative e gestionali dell’azienda, che dall’inizio del mese di maggio è in amministrazione controllata, le cucine di Alitalia continuano a deliziare i passeggeri delle classi premium.

A definire la qualità del cibo a bordo di Alitalia non sono solo i premi ricevuti per 7 anni di seguito dai lettori della rivista nordamericana Global Traveler, che dal 2010 la incoronano Best Airline Cuisine e, per quanto possa valere il mio giudizio, non sono nemmeno le mie papille gustative, ma è un dato di fatto che a bordo dell’Airbus A330 che mi sta portando verso Boston si mangia bene, molto bene.

I cocktail sono mixati attentamente, i vini serviti alla giusta temperatura, il pane è caldo e croccante, così come caldi sono i cibi ben disposti su piatti di porcellana Richard Ginori. Tovaglie e tovaglioli sono di candido cotone Frette. La pasta dei primi è cotta al dente, le pietanze sono saporite ma con la giusta sapidità, nessun eccesso nelle spezie o negli aromi per correggere la freschezza dei prodotti che mantiene il sapore ed è la chiave vincente della cucina tricolore.

I menù, diversi a secondo di diverse rotte ed aree geografiche di destinazione, variano ogni tre mesi e si ispirano alla cucina regionale italiana. Nel mese di maggio, i passeggeri della classe business in viaggio verso Boston, sono stati deliziati dalla cucina del Piemonte, mentre la carta dei vini si estendeva pure alla Liguria. Anche la cantina, i piatti sono sempre accompagnati da ottime bevande, è di qualità: bianchi, rossi, passiti, spumanti, birre artigianali, il tutto scelto e curato dalla Fondazione Italiana Sommelier.

Al termine di un pasto italiano, in qualsiasi momento del volo o per colazione, non può mancare un caffè: cialde Lavazza, quattro aromi a scelta incluso il deca.

Negli ultimi voli compiuti abbiamo avuto modo di gustare orecchiette alle cime di rapa e filetto di orata in salsa di limone della cucina pugliese, trofie alla spezzina e millefoglie di mare alla sanremese, agnolotti del Plin al ragù di carne bianca e lombetto d’agnello in crosta di nocciole della cucina piemontese.

Gi assistenti di volo, cortesi e discreti, sono sempre disponibili per consigliare un abbinamento vino pietanze, per cambiare l’orario della cena se si vuole riposare o per servire uno spuntino dolce o salato a base di formaggi, affettati o frutta.

Con la pancia piena ed un sorriso sulle labbra mi sento di considerare che se tutta la gestione di Alitalia avesse la qualità della sua cucina, la compagnia italo-emiratina non starebbe navigando in cieli tanto turbolenti.

Oslo: consigli di visita per viaggiatori.

l’Opera House, rivestita di marmo di Carrara, si bagna nelle acque limpide del fiordo

Quando esce il sole Oslo è di una bellezza commovente, e quando invece il cielo assume i colori più tipici del Nordeuropa, ma d’estate queste giornate sono rare, ecco che i tanti musei, monumenti pubblici e locali di ritrovo e musica rivelano una città più vivace di quello che può sembrare a prima vista. Oslo è la città più popolosa di Norvegia, circa 650.000 abitanti dei quali oltre il 25% è costituito da stranieri. Si sviluppa ad arco sulle rive settentrionali dell’Oslofjord; nei limiti cittadini si trovano 40 isole, 343 laghi e numerosi boschi si spingono sino ai quartieri periferici.

Come organizzare la visita: VisitOslo è la guida ufficiale della città e la app per il cellulare tiene aggiornati su attività e attrazioni, fornisce pure il pass per i mezzi di trasporto e i musei. La valuta locale è la corona norvegese, ma non è necessario acquistarne: ovunque sono accettate le carte di credito anche per spese di importo minimo.

Come muoversi: a piedi, il centro città è situato nei pressi del porto e i principali luoghi di interesse sono a portata di passeggiata. I locali sono grandi appassionati delle biciclette, quelle sharing sono di colore blu e distribuite in più di 100 punti di raccolta Oslobysykkel. I mezzi pubblici, autobus Buss, tram e metropolitana T-bane sono interconnessi, efficienti e puntualissimi; sugli autobus ci sono pure le prese USB per ricaricare i cellulari.

Vigeland Park, oltre 200 statue dell’artista Gustav Vigeland, ma pure prati e grandi alberi

Come rimanere collegati: dal 15 giugno 2017 è in vigore Roam like at home in tutta la UE; nei musei e in molti bar è disponibile wi-fi libero e gratuito.

Quali musei: il top in città è Astrup Fearnley Museum, sia per la struttura disegnata da Renzo Piano che per la collezione permanente di arte contemporanea e le mostre temporanee di risonanza internazionale; dal giardino di sculture si domina il porto e la città, mentre spesso nella cafeteria c’è musica jazz dal vivo. L’ultimo giorno di apertura del Museum of Contemporary Art sarà il 3 settembre 2017, poi le collezioni saranno trasferite alla National Gallery; attualmente è ospitato in quella che un tempo era la banca nazionale di Norvegia; a fianco si trova il National Museum of Architecture. Il Premio Nobel per la Pace viene assegnato ad Oslo, e il Nobel Peace Center, al porto subito alle spalle dei moli dei battelli turistici, ospita mostre fotografiche e installazioni. SAS Museum, memorabilia, mappe, uniformi, storia dell’aviazione in Scandinavia e una torre con vista sulle piste; si trova sul lato opposto delle piste dell’aeroporto Oslo Gardermoen rispetto al terminal principale (bus 815/855 dalla piattaforma 48).

il Palazzo Reale, nei mesi estivi è aperto alle visite

Cosa vedere: Vigeland Park oltre che uno splendido parco pubblico vi si trovano 200 sculture dell’artista Gustav Vigeland tutte incentrate sui rapporti familiari e il trascorrere della vita. Karl Johans gate è l’arteria principale per il passeggio: dalla collina del Palazzo Reale, aperto al pubblico nei mesi estivi, taglia tutto il centro città sino alla Stazione Centrale. Percorrendola sono da visitare la Rådhuset, il Municipio, e la cattedrale. Una volta arrivati in stazione si è a due passi dalla nuovissima Opera House, il cui tetto, sul quale si può salire, è rivestito di marmo bianco di Carrara.

Cosa non mancare: un giro in barca sul fiordo, meglio se in una giornata di sole, a bordo di un battello d’epoca con Båtservice.

Dove ascoltare musica: le sere d’estate sono lunghissime: sulla terrazza di Blå, sala concerti per musica indie rock e jazz, che si affaccia sul fiume Akerselva servono tipiche birre norvegesi. A Cafe Mono si tengono eventi musicali e dibattiti letterari.

le strade di Oslo riservano sorprese eccellenti: il murale sulla parete del Y-Blokken (arch. Erling Viksjø), Akersgata 44 a fianco della Public Library, è di Picasso

Come viaggiare dall’aeroporto alla città, e viceversa: l’aeroporto è collegato alla Stazione Centrale da un servizio di treni, ma a secondo di dove si alloggia a volte è più pratico servirsi di FlyBussen, servizio di autobus con diverse diramazioni e numerose fermate.

Come volarci: Oslo Gardermoen OSL non è solo un aeroporto moderno e bello da vedere, ma pure ben connesso e hub di Norwegian Air Shuttle che per l’Italia ha voli diretti su Roma FCO, Milano MXP, Pisa PSA e Catania CTA; SAS vola no-stop su Roma FCO, Milano MXP, Venezia VCE, Pisa PSA e stagionalmente su Palermo PMO. Lufthansa vola da numerose città italiane sia via Francoforte FRA che Monaco MUC; Alitalia non ha voli diretti ma vola con compagnie associate via Parigi CDG e Amsterdam AMS.

vista sul porto e il fiordo dalla passeggiata lungo le mura della Fortezza Akershus

tutte le foto © Michele Molinari

Le app per i viaggiatori. Cosa ci porterà il futuro.

Apple iOS11 mappe indoor di aeroporti e shopping mall

La nuove versioni dei sistemi operativi di Apple e Google sono alle porte. Di iOS 11 si sa che sarà lanciato in autunno; mentre per il nuovo Android, che si chiamerà Oreo come il biscottino di cioccolato e crema, ancora non si conosce la data di rilascio ma si dice essere imminente. Ecco i principali miglioramenti che interesseranno i viaggiatori.

iOS

1 – Maps includerà le mappe degli aeroporti e degli shopping mall. Se le prime possono essere utili in un grande aeroporto dove si usino solo, esclusivamente e tassativamente (!) caratteri a noi poco familiari quali cirillico, abugida tamil, scrutture cufiche, logogrammi, etc., le seconde si rendono indispensabili per trovare l’uscita, prima della chiusura notturna, dopo un’esperienza “ubriacante” di shopping.

Ben 36 aeroporti al mondo partecipano nella prima fase del progetto che, rendiamoci conto, prevede di sostituire le decine di app che già svolgono questa funzione. Tra questi ben 25 si trovano negli USA, alfabeto latino e scritte in inglese, se proprio proprio in spagnolo e 2 in Canada anglofono; 3 in Europa; 2 in Medio Oriente e 1 in Asia.

2 – Corsie automobilistiche. Vi siete mai trovati sulla corsia sbagliata, tipo quella di destra mentre il navigatore vi ripeteva Gira a Sinistra Gira a Sinistra. Bene, con il nuovo Maps il problema verrà risolto. Waze già l’ha fatto da quel dì.

3 – Siri. Non solo avrà voci meno artificiali, ma sarà pure capace di tradurre l’inglese in: cinese, francese, tedesco, italiano, spagnolo. Quindi, preparatevi ad interagire con l’iPhone dei prossimi turisti yankee che incontrerete in visita. Sai quanti telefoni prenderanno il volo …

4 – iMessage. La piattaforma di messaggistica darà la possibilità di scambiare denaro con familiari, colleghi e amici, chi si trova al di fuori di questi tre circoli rimane a becco asciutto. Le somme vanno a debito/credito di Apple Pay e verranno autenticate con Apple Touch ID, il riconoscimento dell’impronta digitale.

5 – Do Not Disturb. Negli USA un incidente automobilistico su 4 è causato dall’uso del cellulare alla guida. Apple ha deciso di riportare il senno nelle zucche vuote, così che l’applicazione bloccherà chiamate, text, messaggi e notificazioni quando alla guida; mentre chi cerca di raggiungervi riceverà una notifica che siete alla guida, o vi state muovendo molto velocemente. Non è ancora dato di sapere se ai semafori, in coda, seduti in auto a motore spento, conta come Do Not Disturb.

cose del millennio passato, non provate a zoomare con le due dita

Android

1 – Minore consumo di energia da parte delle app che funzionano in background. Genialata.

2 – Alcune applicazioni in Google Play possono essere veicolo di codici dannosi per il sistema operativo, Android O sarà in grado di scannerizzare le applicazioni che scaricate. Grazie, e controllarle prima di metterle su Google Play?

3 – Google introdurrà una piattaforma chiamata VPS, Virtual Position Service, che vuole essere il GPS dei luoghi al chiuso. Gli sviluppatori di nuove app potranno così condurre gli utenti verso il gate all’aeroporto, la camera in un hotel, l’auto in un parcheggio, la macchinetta del caffè in ufficio, il frigo di casa, etc. etc.

Se questi sviluppi vi sembrano troppo avanti e/o risibili, i più grandicelli di voi forse ricorderanno la vita con i telefoni a rotore, la rivoluzione portata dai fax, e la fase nella quale i telefoni cellulari, oltre ad avere peso e ingombro di una confezione magnum di bagnoschiuma, tenevano in nota solo ed esclusivamente i numeri di telefono … e nei modelli di lusso. E le mappe, quelle di carta intendo, si aprivano ma poi richiedevano eccelso intuito e visione spaziale per richiudersi perfettamente.

Nuova destinazione e più frequenze per Alitalia: Malé e San Paolo.

Alitalia Boeing 777 all’aeroporto di San Paolo GRU – © Tiago Deivid Brito /planespotters.net

Nonostante il commissariamento e il controllo pressoché nullo sul proprio futuro, verrà rilanciata o chiusa, venduta intera o a spezzatino, Alitalia continua a programmare nuove rotte per la stagione invernale 2017-18.

Dopo l’annuncio che il 31 ottobre verrà inaugurato il nuovo volo verso le isole Maldive Roma FCO – Malé MLE (AZ776/AZ777, 3 voli la settimana, partenze martedì, venerdì e sabato, ritorno il giorno successivo), ecco la volta dell’aumento di frequenza verso la capitale finanziaria e più popolosa città del Brasile: San Paolo.

AZ porterà i voli su GRU da 7 a 10 settimanali, con un incremento del 42% di posti sulla rotta, e un totale di voli verso il Brasile di 17: 10 a San Paolo GRU e 7 a Rio de Janeiro GIG. Dalle due città i passeggeri di Alitalia potranno avvantaggiarsi degli accordi con Avianca, Gol e LATAM per raggiungere numerose destinazioni locali.

Il nuovo volo AZ678/AZ679 verrà inaugurato il 9 novembre e, a differenza dell’attuale volo che è notturno sia all’andata che al ritorno, la tratta verso il Brasile verrà volata di giorno. L’andata, e il ritorno, sono previsti di lunedì, giovedì e domenica, ma l’arrivo a Roma è per il giorno successivo.

Con l’aumentata frequenza verso GRU AZ porta a 68 gli operativi settimanali da e verso l’America Latina; le altre destinazioni sono: Buenos Aires EZE, Città del Messico MEX, La Havana HAV, Santiago del Cile SCL e Rio de Janeiro GIG.

vista aerea dell’aeroporto di Malé: una pista in asfalto e 4 piste d’acqua

Alitalia non è l’unica compagnia a volare senza scali dall’Italia verso le isole Maldive, già lo fanno Meridiana da Roma FCO e Milano MXP, e Neos da Roma FCO, Milano MXP, Verona VRN.

L’aeroporto di Malé, che si trova ad una altezza di soli 2 metri sul livello del mare, ha la particolarità di possedere, oltre ad una pista in asfalto, anche ben 4 piste di acqua per idrovolanti.

Due cose da non fare in vista delle vacanze.

Airbus A320 di Vueling

Alcuni di voi sono già in vacanza, altri sanno dove andranno e studiano le strategie per pagare sempre meno quel volo che vi porterà in spiaggia, nella città d’arte, o semplicemente lontano dalla folla … L’ultima ipotesi, soprattutto nel sostantivo folla abbinato ad estate, è la meno probabile ma, comunque, vediamo che si può fare per limitare i danni di un destino beffardo.

Ho ricevuto, a stretto giro di email, come si usa dire, una comunicazione da una amica che mi chiede consigli su come affrontare un imprevisto. La mia amica si trova all’estero, e l’intermediario dal quale ha acquistato un biglietto per un volo intraeuropeo, ma non intra UE, di Vueling, compagnia low-cost del gruppo IAG, le comunica che, per la data nella quale volerà, da qui a tre giorni (16 giugno 2017), è stato convocato uno sciopero. Di chi, come, con quali modalità, se della compagnia, del personale di terra, dei controllori di volo, non è dato di sapere. Uno sciopero, punto. Consigliano di consultare la pagina web della compagnia, già fatto ma sulla quale non risulta nulla, e promettono di tenerla aggiornata. Aggiungono, inoltre, che nel caso in cui non ricevesse altre comunicazioni ciò significa che lo sciopero è stato revocato e quindi di presentarsi in aeroporto normalmente. Che fatica scrivere una seconda email di comunicazione.

Inizia l’ansia. La mia amica è in un viaggio itinerante: prenotazioni negli alberghi, nei voli, nei treni, tutto organizzato secondo un calendario. Inoltre, controlla la posta dal cellulare, il che significa che deve dipendere dal wifi o da una buona copertura, e se per caso la giornata prevede una gita in spiaggia, in aperta campagna, in un paesino sperduto, non sempre le due cose vanno di pari passo. Tra l’altro, chi ha voglia di spendere ore delle proprie vacanze al telefono, o peggio cercando di telefonare ad un ufficio di una compagnia aerea che non risponde mai e il cui customer care è dall’altra parte del continente, in Spagna. Come con prefisso spagnolo è pure il numero di telefono del customer care dell’intermediario che le ha venduto il biglietto, lastminute.com, anche se quest’ultima compagnia risulta registrata in Svizzera, fuori dalla UE.

A poco valgono i tentativi, comunque effettuati, di mettersi in contatto con la compagnia aerea e il venditore di servizi: i telefoni suonano a vuoto, cadono le linee e le email restano inevase, così come i messaggi su twitter

L’applicazione di Vueling scaricata sul cellulare non dice nulla di più del sito, è assolutamente inutile nei casi di emergenza.

Come abbiamo visto la mia amica ha compiuto due errori fondamentali nell’organizzazione di un viaggio.

Primo: ha comprato il biglietto da un intermediario, pagina web come ce ne sono tante, invece che direttamente dal sito della compagnia. Ha infatti un numero di biglietto con un codice che l’applicazione di Vueling non riconosce, oltre che diventare vittima del gioco di scaricabarile.

Secondo: ha comprato un volo da una compagnia low-cost. Molti di voi storceranno il naso a questa mia affermazione. Ma non stiamo parlando di costo del biglietto, comunque comparabile a quello che ormai molte compagnie tradizionali offrono per le stesse tratte e con gli stessi servizi, bensì discutendo dell’attenzione al cliente che contraddistingue le compagnie low-cost: sempre approssimativa, e nel migliore dei casi.

In casi come questi il mio consiglio, a parte di evitare come il diavolo con l’acqua santa i due punti di cui sopra, e nel caso in cui non si riesca a comunicare con nessuno, cosa molto probabile, è di scaricare sul cellulare l’applicazione della compagnia aerea, che magari qualche informazione la fornisce, e di presentarsi comunque in aeroporto sperando che ci sia un minimo di organizzazione o, nella peggiore delle ipotesi, un volo passato al giorno successivo.

Altro consiglio, ma questo di carattere generale, è quello di affidarsi a compagnie aeree la cui reputazione sia alta, informatevi prima, e che facciano dell’attenzione al cliente un punto d’orgoglio. Poche decine di euro risparmiati qua e là rischiano a volte di rovinare un viaggio, una vacanza, la tranquillità di essere tutelati negli imprevisti.

La low-cost Norwegian Air Shuttle volerà da Roma FCO verso gli USA.

Norwegian Air Shuttle Boeing 787-8 Dreamliner

Con grande fanfara, e rimbalzato su tutti i giornali e i siti, Norwegian Air Shuttle ha annunciato il collegamento diretto da Roma Fiumicino FCO agli aeroporti nordamericani di New York Newark EWR e Los Angeles LAX, dal 9 novembre 2017, e Oakland OAK, sulla costa est della baia di San Francisco, dal 6 febbraio 2018.

Inizialmente sono previsti 4 collegamenti alla settimana verso EWR e 2 verso LAX, mentre con l’entrata in servizio di un secondo aeromobile da febbraio 2018 la frequenza verrà portata a 6 e 3 voli rispettivamente. La compagnia effettuerà i collegamenti con 2 Boeing 787-8 Dreamliner di stanza a FCO.

La nota estremamente positiva sbandierata da Norwegian, sulla quale molti media hanno spinto, è il prezzo comunicato: €179 a tratta verso New York e €199 a tratta verso le due destinazioni californiane. Così bello da non sembrare vero, così che, per verificare, mi sono messo alla ricerca di un volo di andata e ritorno da Roma per New York e ho scoperto che …

Ho scelto la prima metà di gennaio, partenza lunedì 8 e ritorno lunedì 15 gennaio 2018, siamo a giugno, lo so, ma magari sono uno con un calendario organizzato. Ho evitato i giorni con i prezzi più alti (ci sono giorni nei quali l’andata costa €239,90) e mi sono limitato a una settimana di permanenza. In tariffa LowFare ho trovato andata a €179,90 ahi ahi, abbiamo già sforato, e ritorno a €199,90; di meno non ce n’è per tutto il mese. La tariffa indicata comprende esclusivamente il posto a sedere non assegnato … il che significa che se viaggiate da soli di sicuro vi mettono nelle file centrali o in fondo all’aereo vicino ai bagni e se siete in compagnia facilmente vi separano e finite comunque per viaggiare da soli. Non è incluso il bagaglio in stiva, solo uno a mano del peso di 10kg, e non si vede l’ombra nè di panini nè di bibite. Ok, magari mi piace viaggiare leggermente più comodo: scelgo la tariffa LowFare+ (Plus) che mi concede la scelta del posto a bordo, un bagaglio in stiva di massimo 20kg, il menù Nice&Tasty (!), il tutto per altri €70 a tratta; se avessi scelto i servizi separatamente avrei pagato in più €105 a tratta, così mi spiega con enfasi il sito, peraltro pieno zeppo di errori di battitura come Sazio per le gambe e Bagaglio regsistrato. Nessuna delle due tariffe prevede la possibilità di rimborso, e le modifiche di data incorrono in una penale.

A questo punto il costo è di: andata €249,90 + ritorno €269,90 = totale €519,80. Non molto, ma un prezzo allineato con il mercato, nulla di che.

Poi mi sono collegato al sito di Alitalia per verificare i loro prezzi. Per le stesse date la tariffa più scontata è già esaurita, urca! NY tira sempre. Provo il giorno successivo 9 gennaio – 16 gennaio 2018, e con la tariffa EconomyPromo trovo: andata €298,65 + ritorno €250,69 = totale €549,34. La tariffa comprende il bagaglio a mano di 8kg massimo, il bagaglio in stiva di 23kg massimo, bevande pasti e snack, scelta del posto, accredito miglia sul conto del programma MilleMiglia, mentre non è consentito il cambio di prenotazione né il rimborso.

In definitiva: €30 di differenza. Più o meno il costo del trasferimento dall’aeroporto di Newark a Manhattan; con AZ e atterrando a JFK bastano $2,50 della subway. E allora, tutto questo schiamazzo come si giustifica?

Abbiamo visto che Norwegian parte da Roma, ma nel caso in cui non vivessi nella Capitale bensì in altre parti d’Italia, come ci arrivo a Fiumicino? In treno, forse, ma sai che sbattimento poi per andare in aeroporto. Allora ci vado in aereo. Norwegian non ha voli nazionali per cui, con qualsiasi altra compagnia ci arrivi, una volta a Fiumicino devo ritirare i bagagli e poi rimettermi in fila per il check-in, senza contare che, avendo le tratte (nazionale e internazionale) su biglietti separati, se il primo volo è in ritardo e perdo la connessione … beh, ho perso anche il volo e il diritto ad essere portato a destinazione a New York. E così pure al ritorno.

Va bene, ho capito, vediamo i costi dei voli da, ad esempio, Bologna e Catania per New York con Alitalia in tariffa EconomyPromo, date 9-16 gennaio 2018. Bologna: andata €201,46 + ritorno €183,01 = €384,47. Catania: andata €323,42 + ritorno €304,01 = €627,43.

Simili tariffe e offerte di classe da Bologna con KLM, British Airways, airberlin, Lufthansa; da Catania con Air France, con Turkish Airlines ci vogliono €150 in più, con altre compagnie come KLM e Air Europa sono necessari 2 scali. Dove c’è più offerta minori sono i prezzi, e da Bologna Norwegian ci rimane veramente con un palmo di naso!

In conclusione, e in ordine: – se vivete a Roma, non vi importa della scelta del posto, viaggiate solo con un bagaglio a mano e il cestino da picnic, allora Norwegian vi conviene – In tutti gli altri casi scegliete la compagnia che più vi aggrada che andate bene comunque.

Se da Roma per i prezzi c’è poca differenza tra AZ e DY, mentre abbiamo visto come da alcune città di partenza Alitalia batta decisamente Norwegian (il Centro Nord è generalmente più a buon mercato che il Sud e le Isole), la differenza sostanziale è però nell’età degli aeromobili: quelli di Norwegian sono nuovi. Per quanto riguarda il comfort a bordo la disposizione e dimensione dei sedili è simile: Alitalia vola con Airbus A330 che offrono 219 sedili con disposizione 2-4-2, 31in di pitch e 17in di larghezza in classe economica; 17 sedili con disposizione 2-3-2, 38in di pitch e 19 di larghezza in classe premium; 20 sedili che reclinano completamente orizzontali con disposizione 1-2-1, 44in di pitch e 21in di larghezza in classe business. Norwegian opera i collegamenti con Boeing 787-8 nuovissimi con 259 sedili con disposizione 3-3-3, 31in di pitch e 17in di larghezza in classe economica; 32 sedili con disposizione 2-4-2, 46in di pitch e 19in di larghezza in classe premium.

Molti affermano che Alitalia risentirà pesantemente per l’entrata in campo di Norwegian. A mio parere, invece, non molto; in definitiva si tratta di concorrenza allineata alle tariffe di mercato. Non dimentichiamo, inoltre, che il margine di guadagno delle compagnie aeree non sta in pochi biglietti di classe economica svenduti con tariffe all’osso e sbandierati come specchietti per le allodole, bensì nelle più lucrose tariffe premium quali, ad esempio e nel caso specifico di DY e AZ, Premium Economy, per entrambe, e Business Class solo sugli aeromobili AZ. Norwegian, sempre nelle date considerate, vende la classe premium con servizi e tariffe comparabili (da €470 a poco meno di €600 a tratta) a quelle messe in vendita da Alitalia.